COME ELIMINARE LE MACCHIE DIFFICILI

COME ELIMINARE LE MACCHIE DIFFICILI

Biro: strofinate la macchia con un batuffolo di cotone idrofilo imbevuto in una soluzione di alcool denaturato o aceto.

Caffè: bagnate subito in acqua fredda poi lavate normalmente.

Catrame: se la macchia è fresca utilizzate acqua calda, se è asciutta ammorbidite con olio, quindi smacchiate.

Chewingum: passate un cubetto di ghiaccio in modo che la gomma da masticare diventi dura e si possa rimuoverla semplicemente.

Cioccolato: con la macchia fresca lavate in acqua calda. In presenza di macchia asciutta lavate in 10g di borace per litro di acqua.

Erba: su tessuto in cotone strizzate del succo di limone poi fate asciugare il capo al sole. Su seta passate acqua ossigenata al 2 e versate goccia a goccia un po’ di ammoniaca.

Frutta: su tessuto bianco usate la candeggina; su quello colorato acido citrico o succo di limone e sale.

Gelato: se la macchia è fresca lavate con acqua fredda. Se è asciutta, lasciate il capo in ammollo in 10g di borace per litro di acqua.

Pomodoro: se la macchia è fresca si consiglia di lavare con acqua calda e ammoniaca. Se la macchia è secca, usate acqua ossigenata e ammoniaca.

Profumo: tamponate il capo con acqua ossigenata e acqua, poi bagnate con acqua mescolata insieme ad aceto.

Rossetto: lavate con una base di miscela di acqua e sapone o acqua e candeggina o tamponate con benzina e acqua ossigenata.

Ruggine: su lana e seta si raccomanda di tamponare con una parte di ammoniaca e sei di acqua. Se il tessuto è cotone si consiglia di effettuare la stessa operazione ma con limone caldo.

Sangue: mettete in ammollo in acqua fredda o acqua tiepida e acido tartarico prima possibile. Dopodiché lavate con detersivo a base di candeggina.

Sudore: si raccomanda di tamponare prima con acqua e ammoniaca, poi di bagnare con acqua distillata, oppure tre parti di alcool e tre di ammoniaca, infine di procedere come sopra.

Tintura di iodio: tamponate con ammoniaca.

Umidità: lavate in acqua con un cucchiaio di sale e ammoniaca e un cucchiaino di sale fino da cucina, poi stendete sulla macchia e lasciate asciugare.

Unto: se la macchia è fresca coprite con talco, lasciate agire quindi spazzolare. Se è secca, coprite con trementina, poi lasciate asciugare e stirate con ferro caldo, ponendo al di sotto della carta assorbente.

Uovo: lavate in acqua fredda e sapone o acqua fredda e ammoniaca.

Vernice: mettete sotto la macchia uno straccio asciutto, poi tamponate con etere oppure con essenza di trementina. Se la macchia è secca ammorbidite prima con olio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *